Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

Benvenuto nel forum!

Parlaci di te, di cosa ti piace e i motivi che ti hanno portato a far parte della nostra community

ARGOMENTO: MISTIFICAZIONE

MISTIFICAZIONE 30/10/2019 11:34 #8346

Il discorso si sta spostando a ricomprendere anche il rapporto fra pittore e fotografia, la domanda o meglio le domande mi pare che siano:

1)e’ produttivo/lecito avere un rapporto con la fotografia?

2)se si quale deve essere questo rapporto

3)abbiamo un rapporto con la fotografia vissuto come gabbia, ovvero come un ausilio senza il quale ci pare di non riuscire a combinare niente, quindi vorremmo affrancarci da essa.

Rispondo alle questioni con una

PREMESSA:

Siamo uomini del nostro tempo, significa che la fotografia, il digitale, l’uso del computer grafico sono strumenti comuni. L’arte per tradizione si avvale di tutti gli strumenti utili a fini artistici questo avviene DA SEMPRE.
Quali sono i fini artistici? Beh non mi dilungherei ma certamente produrre immagini attraverso l’uso dei sensi, vista principalmente, da fruire altrettanto attraverso i sensi umani.
Quindi la fotografia e’ ammissibile quanto qualsiasi altro strumento

RISPOSTE:

1) In quanto strumento certamente si

2) Tutti gli usi sono leciti e produttivi, come strumento per la didattica, per eseguire veloci studi di quanto vediamo, per fare prove di inquadratura, colore etc. L’unico uso che non e’ lecito a fini pittorici e’ quello di usare la macchina fotografica al posto degli occhi. A quel punto non si e’ pittori ma fotografi, ovvero un’altra apprezzabilissima categoria di artisti.

3) Dipende da cio’ che volete fare. Mi spiego, esistono e sono esistiti pittori che non hanno mai abbandonato l’uso strumentale della fotografia o delle camere lucide nel passato.

Usare la fotografia per ricalcare linee che diversamente non si riuscirebbe a mettere in tela o sulla carta, perche’ non siamo in grado di vederle nel soggetto e’ ammissibile solo in una fase di apprendimento, quindi e’ da escludere come pratica pittorica intesa come condizione stabile.
Il risultato pittorico di un uso cosi’ intenso della fotografia al punto di sostituire i propri occhi con la macchina si vedra’ sempre nei vostri lavori, fidatevi.
D’altro canto pensate all’enorme importanza che ha per il nostro gruppo la fotografia….noi interagiamo a livello di gruppo solo grazie alla possibilita’ di fotografare i nostri lavori e mostrarli l’un l’altro.

Quindi sono particolarmente d’accordo con quanto dice Anna per cui se si vuole un dipinto fotorealistico e’ meglio stampare su tela la fotografia e mettergli una bella cornice. Giustissimo anche l’atteggiamento di Antonello che usa la fotografia ma…..si perdona :) . Con il tempo ti renderai conto che puoi benissimo farne a meno, ma magari a quel punto la utilizzerai anche piu’ intensivamente, chi puo’ dirlo, dipende!
Rispondo anche a Roberta che quel lavoro che hai postato della signora anziana tutta rughe, e' la copia ossessiva e maniacale di dettagli e particolari di una fotografia, il fatto di cambiare i colori o sfumare i contorni esterni del viso non cambia l'immagine; ovvero e' un immagine fotografica, almeno a me cosi' pare e aggiungo anche che non mi piace come immagine sia essa foto o quadro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

MISTIFICAZIONE 30/10/2019 22:07 #8347

:) continuiamo con un classico



Niente foto, niente soggetto, tutta pittura!
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: lello

MISTIFICAZIONE 31/10/2019 15:29 #8348

:) c'e' qualcosa di accattivante in questi filmati! C'e' qualcosa che colpisce molto lo spettatore che vuole con tutto il suo essere imparare a dipingere ;)
Ebbene si'! C'e' perche' e' esattamente cio' che una attenta produzione ha messo in evidenza nei filmati. Bob ross condusse per quasi 20 anni un fortunatissimo programma televisivo in Usa.

Nessuno si chiedeva se e perche' Bob Ross fosse un pittore, PRIMA di accettarlo come colui che poteva insegnare a dipingere. Questo accade in rete moltissime volte oggigiorno. Non conta se una persona abbia dimostrato di fare quadri che in ciascuno di noi suscitano la giusta e sana ammirazione, stupore, piacere ovvero tutte le sensazioni che associamo alla contemplazione di un'opera d'rte, conta invece l'aspetto spettacolare che e' insito nel vedere all'opera una persona. Ma un pittore non e' un artista da circo, non e' un attore che deve muoversi su un palcoscenico, un pittore produce quadri....e basta.
Sono iquadri che devono stupire o commuovere, non il pittore!
Eppure nella nostra cultura massificata tutti si immaginano il pittore come un equilibrista, un elegante illusionista che di getto produce capolavori B)

Ergo se si vuole operare una MISTIFICAZIONE bastera' massimizzare l'effetto scenico, l'eleganza del gesto e l'apparente naturalezza magica di una pennellata per illudere e sviare l'attenzione dello spettatore.

Bob Ross conosceva bene alcuni effetti tecnici e li ha ripetuti per anni cambiando minimamente colore e circostanze per produrre le sue illustrazioni che, prima del programma provava e riprovava. Comunque, fuori inquadratura c'era sempre un quadro con il soggetto che lui replicava dopo essersi esercitato davanti alla telecamera.

A nessuno veniva in mente (in tv oltretutto non si poteva fare facilmente ;) ) di fare un fermo immagine sul risultato finale del suo lavoro. Guardandolo tutto l'effetto magico o gran parte di esso sarebbe svanito


In molti anni di attivita' Bob Ross ha dipinto migliaia di queste illustrazioni, poi e' morto ancora relativamente giovane, oggi nessuno si occupa dei suoi quadri e nessuno li vuole.
Ultima modifica: 31/10/2019 15:36 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: lello

MISTIFICAZIONE 31/10/2019 15:42 #8349

Voglio anche ritornare su quello che asseriva Antonio a proposito di molti pseudo-maestri oggi tanto in voga. L'esempio di Bob Ross e' abbastanza calzante, basta oggi saperegestire la propria immagine e attuare attraverso una immagine di se costruita e ben amministrata per avere successo.
Cio' che si produce eventualmente come pittore, ovvero i quadri, passano in secondo piano.

Una considerazione analoga si puo' fare anche con i disegnatori. tu Antonio asserisci che se facessi un filmato ove si puo' vedere il sottoscritto che disegna probabilmente sarebbe seguito. Io non lo so questo, forse si, ma piu' probabilmente no.

Per me disegnare (ma anche dipingere) non e' affatto una attivita' fatta di getto, fatta di gesti eleganti e magistrali ove con un tocco si risolve una posa. Tutto il contrario! :)
Faccio fatica, devo tornare sui miei passi, interrompermi spessissimo e guardare, ragionare. Il lavoro e' sempre fatto di fatica e tanto piu' alto e' l'obiettivo che mi pongo tanto maggiore e' la fatica che faccio.
Nulla di bello da vedere, ma il bello o brutto sarebbe niente, il fatto e' che credo che non sarebbe di aiuto per nessuno vedrmi al lavoro.
Ultima modifica: 31/10/2019 15:47 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: antoon

MISTIFICAZIONE 01/11/2019 16:14 #8352

Le "rappresentazioni" a benificio degli ignari spettatori sono molteplici, guardate questo personaggio che pare dipingere un ritratto da modello ed invece non fa altro che, alla fine, ricopiare una fotografia......



Qui sotto vedete i fermi immagine del suo bozzetto fatto effettivamente a mano libera ed il lavoro finale.... :) ogni commento e' inutile chi dipinge un bozzetto cosi', non dipinge poi cosa'


Sta roba viene considerata in altri forum di pittura un esempio di buona pittura da seguire, ampliando a dismisura la mistificazione.
Ultima modifica: 01/11/2019 17:30 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: lello

MISTIFICAZIONE 01/11/2019 16:24 #8353

Quest'altro si costruisce intorno una credibilita' pittorica atteggiandosi a pittore della tradizione al punto da preparare album di appunti sul modello di quelli che egli crede potessero essere gli album di appunti che una volta gli artisti pittori sempre si portavano con se.
Non e' tuttavia questo il fatto mistificatorio quanto il fatto che sembra voler far intendere che il suo lavoro sia tradizionale ma poi usa ricopiare fotografie.....e si vede! Allora gli album di appunti a cosa servono?



Se guardate poi il suo sito con un poco di attenzione vi accorgete che il suo lavoro consiste nel copiare figure fotografate, inserendole in contesti rielaborati o nel "non finito"

www.santocesar.com/
Ultima modifica: 01/11/2019 17:31 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: anna, robjnia, lello


web design © 2014-2021 LonDom - all rights reserved