Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

"Il disegno "
  • Pagina:
  • 1
  • 2

ARGOMENTO: CHINA

CHINA 09/06/2019 17:27 #7810

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2939
  • Ringraziamenti ricevuti 759
  • Karma: 3
:cheer: eccoci al corso sulla china.....
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: robjnia, antoon

CHINA 09/06/2019 21:09 #7811

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2939
  • Ringraziamenti ricevuti 759
  • Karma: 3
:) prima cosa: I MATERIALI.

Cosa e' l'inchiostro di china?

L'inchiostro anticamente usato era una soluzione acquosa di un COLORANTE ( dunque non un pigmento) ovvero un gallato di ferro che aveva alcuni inconvenienti, sopratutto legati alla conservazione dei pennini. Subentro' nel XX secolo (inchiostro di china) l'uso di pigmenti in emulsione acquosa piu' o meno addizionati ad una parte grassa (olii vari). Il pigmento era soprattutto il nero fumo Pbk7, oggi esistono anche altri colori e pigmenti. Inoltre esistono i piu' moderni inchiostri acrilici che sono emulsioni acquose di particolari resine acriliche derivate dalla tecnologia dei colori acrilici per artisti.

Gli inchiostri ferrogallici piu' antichi erano tutt'altro che stabili nel tempo e con il passare dei decenni spesso il nero diveniva un colore bruno piu' o meno chiaro, alterando la struttura tonale delle opere.

Gli strumenti usati anticamente erano i pennelli morbidi (gli stessi impiegati in pittura ad acquarello) eoppure le cannucce o calami e poi i pennini metallici sia da inserire sulle apposite cannucce che sulle penne stilografiche.

Il calamo o il pennino e' elastico e puo' aprirsi essendo tagliato longitudinalmente in modo da far scendere piu' inchiostro e depositarlo sulla carta in una linea piu' o meno spessa a seconda della pressione esercitata. Piu' e' flessibile e' il pennino e migliore risulta l'inchiostratura realizzabile dallo strumento, valutabile nellaperfetta modulabilita' di passaggio da una linea sottile ad una di massimo spessore.

Ecco qui sotto alccuni strumenti moderni:


Esistono poi anche pennarelli, concepiti per il disegno tecnico che possono essere impiegati per queste tecniche:



Questi hanno una durabilita' dell'inchiostro molto buona. Li ho testati per anni, sottoponendoli alla luce intensa del sole per mesi ed hanno mantenuto la tonalita' nera originale laddove altri modelli hanno invece mostrato un forte e vistoso decadimento mutando il colore in un bruno rossastro piu' chiaro.
Ultima modifica: 09/06/2019 21:19 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

CHINA 09/06/2019 21:23 #7812

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2939
  • Ringraziamenti ricevuti 759
  • Karma: 3
L'altra componente fondamentale e' la carta. E' un vero universo ove la scelta puo' spaziare moltissimo e bisogna che ognuno faccia le proprie prove. Servono comunque carte di cotone a grammatura sostenuta, almeno 150-200 g/mq. il fattore di maggiore rilevanza e' quello legato alla assorbenza, ovvero alla quantita' ed alla velocita' con la quale l'inchiostro acquoso penetra le fibre della carta.

Ecco alcune carte che uso io:




L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

CHINA 09/06/2019 21:26 #7813

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2939
  • Ringraziamenti ricevuti 759
  • Karma: 3
:) Ecco qui alcuni capolavori di grandissimi maestri fatti a china (alcuni lavori sono tecnicamente delle incisioni ad acquaforte ma il risultato e' del tutto confrontabile con un'opera grafica a pennino.




L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

CHINA 09/06/2019 21:27 #7814

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2939
  • Ringraziamenti ricevuti 759
  • Karma: 3
Dopo Durer e il veneziano guardi, Rembrandt :cheer: :cheer:



L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: robjnia, antoon

CHINA 10/06/2019 09:47 #7816

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2939
  • Ringraziamenti ricevuti 759
  • Karma: 3
Ho messo due lavori a china acquarellata a pennello e due incisioni ad acquaforte ovvero fatte a tratto incrociato - il cross hatching degli anglosassoni.

Guardiamo per primi questi ultimi due a TRATTO INCROCIATO:





Come vedete Durer lavora in maniera molto ordinata, nessuna linea di contorno viene disegnata, solamente le campiture dei VALORI CHIAROSCURALI che vengono realizzati incrociando una o piu' serie di tratti paralleli. Inoltre usa tratti piu' o meno spessi e per fare un valore molto chiaro solamente dei puntini.
I valori sono sfumati molto accuratamente gli uni negli altri attraverso la diminuzione degli spessori delle linee, oppure il rarefarsi delle linee incrociate ovvero il fatto di disegnarle leggermente piu' distanti, meno fitte.

Inoltre gli orientamenti dei fasci delle linee sono diversi a seconda della posizione plastica della superficie, notate la differenza del piano rispetto a quelle della mano che vi appoggia sopra

Ultima modifica: 10/06/2019 09:49 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  • Pagina:
  • 1
  • 2


web design © 2014-2020 LonDom - all rights reserved