Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

"Il disegno "

ARGOMENTO: Corso Bargue

Corso Bargue 22/03/2016 19:52 #3258

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
Avete tutti risposto correttamente che il confetto in basso e' piu' chiaro del confetto in alto. Tutti tranne Osvaldo.... che forse ha invertito i numeri.

Questo e' ovviamente vero, perche' e' quello che tutti percepiamo. Tuttavia se dovessimo dipingere quei due confetti e cominciassimo dai due colori o toni (se in bianco e nero) applicando la logica e la corretta percezione, sbaglieremmo e di brutto A quel punto inizieremmo a correggere, in vario modo.....con l'ecclettismo creativo di chi.....non sa piu' che pesci pigliare Insomma a casaccio.

Magari a qualcuno interessa, quindi dite la vostra.

Premetto che questa immagine non e' affatto un trucco e che la stessa situazione si presenta illustrata, sotto varie forme ed intensita', ogni giorno al pittore.

Inoltre e' facile dimostrare che la realta' fisica che produce la nostra percezione prevede che i colori o toni 3 e 4 siano in realta esattamente uguali.


L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: lello

Corso Bargue 22/03/2016 19:57 #3259

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
Da qualche parte avevo detto che, per fare un chiaroscuro equilibrato, i principi generali sono:

1) si inizia SEMPRE dalle ombre piu' scure, le massime luci sono la carta bianca (se e’ bianca) e vanno localizzate e opportunamente escluse dal disegno. Se il fondo non e' bianco le massime luci vengono posizionate insieme alle ombre.

2) si arriva in valore chiaroscurale delle aree disegnate sempre dall'alto quindi scurendo il tono (salvo le cancellature di gomma degli errori ) mai il contrario. Quindi si inizia sfumando leggermente approfondendo il tono fino al valore voluto

3) si lasciano le ombre dapprima un poco piu’ chiare di quanto dovrebbero essere, ovvero si costituisce una "riserva" di tono piu' scuro che sara' l'ultimo atto del disegnare. Solo alla fine del disegno si procedera’ con l'approfondimento (intensificazione) delle massime ombre.

Abbiamo visto come la nostra immagine (CHE NON E’ UN CASO SPECIALE MA UNA SITUAZIONE RICORRENTE) se procediamo cercando di disegnare il chiaroscuro che vediamo, probabilmente finiremo per fare un disegno tutto piu’ scuro, oppure con un equilibrio chiaroscurale alterato.
Piu’ spesso capita che la GAMMA chiaroscurale ovvero la differenza di tono fra le alte luci e le ombre piu’ profonde viene alterata e si comprime rendendo l’immagine piatta e poco significativa.

Tra l’altro questa della contrazione di gamma e’ la condizione che si e’ verificata con maggior frequenza nei disegni che ho visto durante il nostro “corso Bargue”, quindi e’ stato l’argomento (insieme alla delineazione delle proporzioni) dove sono intervenuto di piu’.
Vediamo come applicando scrupolosamente la regoletta sopra enunciata, la risoluzione delle ambiguita’ che si possono presentare si risolvano naturalmente, senza alcuno sforzo.

Per rendere immediatamente chiaro (spero) mi sono affidato alle immagini; quindi guardate la sequenza di disegno della nostra semplice immagine, fatta osservando la regola dei CONTRASTI DI CHIAROSCURO






Ultima modifica: 22/03/2016 21:04 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: lello

Corso Bargue 22/03/2016 21:07 #3263

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
Ecco le tre tappe finali.
Ora vorrei che tornaste a leggere la regoletta, vi accorgerete che seguendola, praticamente non avrete piu' nessun dubbio giacche' tutti i toni intermedi potranno essere giudicati dal confronto co le aree a loro contermini che ne alterano percettivamente il valore chiaroscurale percepito giacche':

"La cosa bianca si dimostrerà piú bianca se sarà in campo piú oscuro, e si dimostrerà piú oscura se
sarà in campo piú bianco"

E' sempre Leonardo Da Vinci





L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: anna, lello

Corso Bargue 06/04/2016 16:26 #3390

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
Bargue II

Iniziamo questo nuovo percorso che tuttavia si puo' considerare come l'estensione della attivita' di disegno iniziale, almeno in termini di sviluppo logico. Naturalmente non disegneremo piu' tavole prese dal metodo di Bargue, ma useremo fotografie o soggetti presi dal vero.
Abbiamo concordato di concentrarci sulla figura, in quanto questa soggettistica e' risultata quella piu' ostica per tutti. Da qui il senso di cercare un'affinamento delle proprie capacita'.

Iniziamo da un importante membro di figura, che e' la MANO.

Faremo due tavole in formato A3, contenenti ciascuna:

- le tre viste di mano da fotografia (vedi allegato)
- le quattro viste di mano, usando come modello la propria mano sinistra atteggiata in maniera il piu' possibile fedele a quanto vedete nello schema qui allegato.

Le fotografie sono prese da onairvideo.com, sito che le mette a disposizione a condizione di citare la fonte. Visitate il sito, e' ben fatto ed ev. lasciate un piccolo obolo, come ho fatto anche io.

Le tre viste le potete trovare sul sito stesso oppure le posso mandare io in copia alle vostre mail - mandate MP con la casella di posta che le spedisco-.

Usate matita, carboncino, sanguigna, penna, inchiostro etc. basta che sia un disegno. Poi fotografate e postate nei vostri rispettivi spazi Bargue che gia' avete tutti aperto.

Io rispondero' a tutti almeno in un tempo determinato che fisso fino ad ora ad una settimana (in questo caso rispondero' domenica), oppure anche prima.....se riesco


questo e' lo schema per disegnare la VOSTRA mano


Queste sono invece le tre mani fotografate da copiare

Se volete potete anche fare una mano per volta usando per ciascuna un foglio A4. Quindi disegnate piu' o meno in scala reale.
Ultima modifica: 06/04/2016 16:28 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: anna, robjnia

Corso Bargue 06/04/2016 18:14 #3391

  • anna
  • Avatar di anna
  • Offline
  • Administrator
  • Messaggi: 1126
  • Ringraziamenti ricevuti 65
  • Karma: 1
Scusa Alessandro non ho capito lo schema per le nostre mani, vuol dire che dobbiamo fare le varie pose?
Grazie :cheer:
"La pittura è come la vita ci saranno tele strappate, buttate, altre recuperate come i momenti della vita, ma ce ne saranno altre indimenticabili come tanti attimi della nostra vita."
Anna Fabiani
Ultima modifica: 06/04/2016 18:15 da anna.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Corso Bargue 06/04/2016 19:22 #3393

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
dovreste mettere la vostra mano sinistra piu' o meno nelle 4 posizioni indicate e schizzarla sul foglio a matita
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.


web design © 2014-2020 LonDom - all rights reserved