Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

Lavori in esecuzioni
  • Pagina:
  • 1
  • 2
  • 3

ARGOMENTO: tempere

tempere 27/03/2020 17:31 #8647

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
il colore nei tubi si inserisce con il mestichino dal lato che poi si sigilla.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tempere 27/03/2020 19:17 #8649

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
:) due parole introduttive:

Sapete credo che i pigmenti in polvere venivano utilizzati dai pittori per produrre i colori occorrenti, siano essi a tempera, ad olio per affresco etc.
Da quasi due secoli questo non si fa piu'; i motivi sono piu' d'uno.

Che senso ha dunque oggi parlare di queste cose?

Riporto qui sotto un discorsetto che feci qualche anno fa sul forum di equilibrarte:

Per concludere vi faccio notare come ormai nessuno o pochissimi producano da se i propri colori e cio' e' logico! A parte il tempo e la spesa, siamo semplicemente troppo ignoranti.....mi spiego, anche io cerco di fare qualcosa in proprio ma oggettivamente se anche avessi tutta la vita davanti (e non l'ho piu') non riuscirei a acquisire quel minimo di esperienza che mi consentirebbe si essere tranquillo sulla qualita' dei miei colori nel tempo, non al livello di quanto un qualsiasi garzone di bottega del 700, senza alcuno sforzo poteva acquisire grazie al fatto di poter frequentare il proprio Maestro che aveva appreso a sua volta da generazioni di altri Maestri. Il positivismo e tutto quello che venne in seguito ci ha ubriacato di vanagloria e di fede incondizionata nella scienza e nel progresso, ma il sapere artigiano non e' surrogabile cosi' facilmente nemmeno per persone estremamente intelligenti che dispongano di mezzi e nozioni.

Non posso anche oggi affermare qualcosa di diverso, farmi qualche tubo di tempere e magari un paio di tubi di terre in olio e soprattutto il bianco per l'olio e' tutto quello che riesco a fare e che mi sento in grado di preparare senza andare incontro a disastri e pasticci.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tempere 27/03/2020 19:18 #8650

  • antoon
  • Avatar di antoon
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 626
  • Ringraziamenti ricevuti 88
  • Karma: 0
Ottimo e come si sigilla ?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tempere 27/03/2020 19:28 #8651

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
:( Quindi siamo a questo.....qualche tubo di colori che si usano per fare schizzi e bozzetti (i francesi li chiamano gouache, noi guazzi ;) )

Fare questi lavori e' tutta una questione di manualita' e di sensibilita' verso aspetti difficilmente "palpabili" e spiegabili razionalmente circa i colori di cui si dispone e quelli di cui invece si sogna di poter approvvigionarsi.

L'ESEMPIO DEL BIANCO

Questo e' l'esempio che per ME chiarisce meglio il concetto del rapporto QUELLO CHE HO / QUELLO CHE VORREI. (e dunque non puo' essere in nessun modo valevole per altri) .
Il bianco ad olio e' per me cruciale, tutti i bianchi provati sono troppo duri come pasta, filacciosi e poco lavorabili. La mia pennellata e' infatti calligrafica, uso quasi sempre pennelli a punta o goccia quindi mi servono colori fluidi omogenei.

Bianchi cosi' non si trovano purtroppo, quindi me lo faccio da solo. Come faccio? Qui sta il trucco, bisogna cercare e trovare il pigmento (o la miscela) che fa al caso nostro e poi provare e trovare le quantita' di olio (ed anche il tipo) che e' adatto. Ci ho messo parecchio, ma l'ho trovato, forse e' stata anche fortuna ma comunque..... :)
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tempere 27/03/2020 19:42 #8652

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
Ho trovato un bianco di titanio a buon mercato che rimacino a mano un pochino in un mortaietto e poi lavoro col olio di cartamo. Ho imparato ad occhio a dosare i componenti e quando la pasta e' pronta lo percepisco dalla sua consistenza. Qui sta tutto il segreto ed anche il limite di usare i pigmenti per farsi i colori, OGNI TIPO DI PIGMENTO quindi bianco titanio, giallo di cadmio etc. etc. ha un suo equilibrio, ma diro' di piu', OGNI tipo di fornitura e' diversa da un altra e dunque hai decine di bianchi di titanio che vanno lavorati in modo diverso.
Insomma e' un vero casotto, almeno se si vuole fare un lavoro ben fatto.

Ecco dunque la scelta di fare SOLO quel colore che serve e non si riesce a trovare in commercio, non altro. Il rischio e' quello di trovarsi a fare l'artigiano colorista al posto del pittore :(

Le tempere sono meno delicate della preparazione di un colore ad olio, soprattutto (o meglio direi esclusivamente se) se parliamo delle tempere a guazzo con la colla. Sono materiali simili alle tempere per uso didattico che si danno agli scolari e si diluiscono con l'acqua.

Anche qui commercialmente non si trova una scelta amplissima, o materiali appunto didattici, oppure tempere per belle arti decisamente costose come le W&n oppure le Schminke. Queste due case hanno tempere fatte con la gomma arabica.
Sono pero' costose, decisamente inadatte per fare guazzi dato che oltretutto hanno confezioni in tubo piccolo e di guazzo se ne usa un bel po' ;)
Ecco dunque che provai tempo fa a farmele da solo, usando pigmenti che avevo in studio e che usavo (e uso) insieme ai pastelli secchi.
Ultima modifica: 27/03/2020 19:44 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

tempere 28/03/2020 21:42 #8656

  • Molinari.Alessandro
  • Avatar di Molinari.Alessandro
  • Offline
  • Platinum Member
  • Messaggi: 2891
  • Ringraziamenti ricevuti 722
  • Karma: 3
:) quindi procediamo a descrivere la ricetta per preparare le tempere a guazzo.

Il legante del pigmento e' costituito da una soluzione di gomma arabica e acqua. Solo con questo pero' la tempera asciugherebbe con tempi troppo esigui e sarebbe troppo fragile ovvero si screpolerebbe inevitabilmente rendendo instabile il film pittorico.
Si usa percio' un plastificante che puo' essere sciroppo di glucosio (oppure miele) o meglio glicerina. Usando il glucosio e' indispensabile usare anche un antifermentativo altrimenti le muffe distruggono tutto. Si puo' usare la nipagina che e' un sale organico venduto da chi rifornisce i restauratori (es antichita'belsito).
Se usate la glicerina, l'antifermentativo non e' necessario.

Serve:

La gomma arabica si trova nei negozi di belle arti, ad es. quella della W&N e' ottima, e' un fluido di colore paglierino assai denso (la gomma si trova anche allo stato solido ma poi va preparata e sciolta).

una soluzione alcoolica fatta con acqua e alcool o direttamente l'alcool che comprate al supermercato

Pigmento nel colore scelto

Una carica per il pigmento stesso a seconda se il colore (ovvero il tipo di pigmento) lo richiede. Qui serve un poco di esperienza, in linea di massima, aggiungere la carica ai pigmenti molto fini e organici, es oltremare PB29, blu prussia PB27, verde ftalo PG7, sali di cadmio tutti PY35, PO20, pr108 etc. Per approfondire l'argomento esisteva il sito paintmaking.org, purtroppo in inglese e sembra offline..... :( Io comunque uso un poco di Caco3 ovvero bianco di medoun (calcite) che e' un bianco che utilizzo anche per preparare le tele. Si puo' usare Caolino, litophone etc, etc.Non e' cosi' importante dopotutto, la carica serve a rendere maneggiabile il pigmento e la sua pasta. Qualcuno aggiunge un poco di silicato di alluminio (meta' in peso rispetto alla carica) io non lo uso. Orientativamente la carica il 20-30% in peso del pigmento.

Glicerina , bidistillata, e' un liquido poco caro si trova da Antichita'belsito oppure in farmacia, anche se in questo caso mi hanno fatto dannare perche' il farmacista diceva che la glicerina e' una sostanza pericolosa in quanto rientra fra le sostanza usate per la praparazione di ordigni e quindi non e' di libera vendita..... :lol:

Bilancia per chimica, un mortaio puo' andare bene un mortaio da cucina basta che sia di materiale duro, un riscaldatore elettrico per fluidi, cucchiaio, contenitori vari per le pesate, una pipetta da chimica o un contenitore graduato con il quale misurare volumi di fluido, una lastra di vetro spessa almeno 5 mm, un pestello che puo' essere un sasso liscio duro e piatto oppure un bicchiere di vetro che abbia la base piana e massiccia, il mestichino o una spatola, i tubi di stagno vuoti con il relativo tappino (io uso tubi da 60 ml) una pinza da meccanico
Ultima modifica: 28/03/2020 22:09 da Molinari.Alessandro.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  • Pagina:
  • 1
  • 2
  • 3


web design © 2014-2020 LonDom - all rights reserved